Il "retrocasa" di Amsterdam

Sul nostro palco la sua disposizione non ricalcava molto fedelmente la realtà originale del ‘retrocasa’. Il nostro salotto, la cucina posta a fianco e le ampie scale che portavano vagamente ‘di sopra’ non corrispondono ai sei piccoli locali, disposti su tre piani, collegati da ripide e strette scale, abitati da Anna e gli altri 7 ospiti per più di due anni. Qualcuno di noi si era studiato così bene la materia da avere in chiaro quasi centimetro per centimetro gli spazi della casa sul retro della Opekta di cui Otto fu direttore. Circa la metà della nostra ‘troupe’ (attori e tecnici) ha potuto a fine giugno essere ad Amsterdam a visitare proprio gli spazi di Prinsengracht 263. Al nascondiglio si arriva dopo un percorso introduttivo museale che attraversa gli spazi della ditta fino a giungere alla porticina nascosta dalla scaffalatura. L’introduzione dell’audioguida ci ha riportato a tante frasi dei protagonisti che sul nostro palco hanno raggiunto il pubblico attraverso la nostra voce, strano sentirle registrate in italiano da voci diverse. Differenti gli spazi, altre le voci, ma identica la sensazione di aver sfiorato la Grande Storia ... di aver ricevuto in dono un testo straordinario, sia l’originale sia il nostro adattamento, che non ci appartiene ma che è entrato (e rimarrà) in modo straordinario nelle vite di ciascuno, una storia della quale ci sentiremo sempre partecipi.    

Commenti

Post popolari in questo blog

I'm going to work my ticket if I can

Stupore e meraviglia

Val Codera